Usura e illeciti ambientali, 26 decreti di perquisizione e 6 aziende sequestrate: conclusa l'Operazione

guardia di finanza 3' di lettura 18/10/2022 - Dalle prime luci dell’alba, i militari del Comando Provinciale di Asti stanno dando esecuzione nelle province di Torino, Cuneo, Alessandria, Pavia e Asti, anche con il supporto dei Reparti del Corpo territorialmente competenti, nonché il concorso di unità cinofila dell’Arma dei Carabinieri e personale dell’ARPA, a 26 decreti di perquisizione e al sequestro preventivo di 6 aziende.

I provvedimenti sono stati emessi dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale astigiano nei confronti di un gruppo di soggetti di etnia rom, dimoranti nel campo di via Guerra di Asti, indiziati a vario titolo dei reati di usura, abusiva attività finanziaria, gestione di rifiuti non autorizzata, combustione illecita di rifiuti pericolosi ed altre violazioni in materia ambientale.

***AGGIORNAMENTO***

Le operazioni di polizia giudiziaria, che hanno in prevalenza interessato l’area del campo nomadi, hanno visto operare oltre 70 finanzieri, con il supporto di ARPA Piemonte, elicottero del Reparto Operativo Aeronavale di Como – Sezione Aerea Varese, due unità cinofile, di cui una del Corpo, per rintraccio di contante, e una dell’Arma dei Carabinieri, per ricerca eventuali armi e esplosivi, nonché aliquota di Baschi Verdi del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Torino. L’attività di stamane è stata svolta anche in coordinamento con la Questura di Asti.

Gli interventi sono stati operati dalle Fiamme gialle in: Asti, Montiglio Monferrato (AT), Portacomaro (AT), Odalengo Grande (AL), Castelnuovo Calcea (AT), Moncalieri (TO), Villafranca d’Asti (AT), Moncalvo (AT), Robilante (CN), Tortona (AL), Cava Manara (PV), Costigliole d’Asti (AT). Le indagini, svolte dalla Guardia di Finanza nei confronti di 12 indagati, riguardano, oltre all’ipotesi di reato di usura e abusiva attività finanziaria, episodi di raccolta abusiva di rifiuti pericolosi e non, macerie, cartoni, materiale elettrico, batterie, pneumatici, derrate alimentari scadute, oli esausti, vetro, metallo ferroso et similia, presso soggetti terzi (per lo più imprenditori). Il materiale scortato da formulari con dati ritenuti fittizi (per origine, contenuto e destinazione), sarebbe stato abbandonato in prossimità del campo nomadi di Via Guerra, previa rimozione dei rottami ferrosi destinati a successiva rivendita, mentre i residui (plastica, cartone, rifiuti umidi, barattoli contenenti residui di olio minerale, vernici, guaine di plastica), rimasti a terra, poi fatti oggetto di combustione, cagionando roghi, che in diverse occasioni hanno richiesto, nei mesi scorsi, l’intervento dei Vigili del Fuoco.

La raccolta abusiva e successiva illecita combustione si ritiene vada ricondotta alle ditte facenti capo agli indagati; per una di queste risulta un volume d’affari nel 2021 di 2,6 mln di €.

Nel corso delle attività sinora effettuate, sono stati sequestrati due capannoni industriali, 6 aziende, 12 automezzi, per un valore stimato di 3 milioni di €, una discarica abusiva (circa 60 tonnellate di rifiuti, anche speciali), nonché liquidità e preziosi per circa 20 mila euro. Nei confronti di alcuni indagati si è, altresì proceduto, per il delitto di cui all’art 644 c.p. (usura), in quanto sospettati di aver effettuato prestiti di denaro ad imprenditori astigiani in difficoltà economica.

L’azione di servizio, coordinata dalla Procura della Repubblica di Asti, testimonia il perdurante impegno della Guardia di Finanza a presidio della sicurezza economico-finanziaria del territorio, nonché nel contrasto dei danni contro l’ambiente, il cui ripristino inevitabilmente assorbe ingenti risorse pubbliche. Preme sottolineare che il procedimento penale si trova ancora nella fase delle indagini preliminari e che la responsabilità degli indagati sarà definitivamente accertata solo nel caso dell’emissione di una sentenza irrevocabile di condanna. La diffusione del presente comunicato stampa è stata autorizzata dalla Procura della Repubblica in ottemperanza alle disposizioni del Decreto Legislativo n. 188/2021.






Questo è un articolo pubblicato il 18-10-2022 alle 16:25 sul giornale del 19 ottobre 2022 - 20 letture

In questo articolo si parla di cronaca, milano, lombardia, articolo, niccolò staccioli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dwMo





logoEV