Palio di Asti: il Medioevo rivive in diretta tv nazionale tra storia e tradizione

8' di lettura 31/08/2022 - Dopo due edizioni di stop forzato, domenica 4 settembre torna il Palio di Asti, una delle feste popolari più suggestive del territorio nazionale che da sempre unisce la città e i borghi circostanti e raccoglie migliaia di turisti, appassionati e curiosi che arrivano ad Asti per vivere un weekend di storia e tradizione. Il Palio darà ufficialmente il via al tradizionale Settembre Astigiano.

Il Palio è un appuntamento molto sentito che sta riscuotendo grande successo: oltre il 70% dei 5300 biglietti tribuna già venduti, esaurite le tribune Gutturai, Isnardi, Argano e Catena A e in esaurimento la tribuna Alfieri centrale. In deciso aumento anche l’interesse registrato da parte dei turisti stranieri. Per accogliere l’entusiasmo e la voglia di partecipare del pubblico sono stati aggiunti ulteriori 5000 posti nel parterre al prezzo popolare di 5 €.

Festa, colori, cultura e gastronomia: la giornata del Palio è solo il culmine di una quattro giorni ricca di appuntamenti diffusi in tutta la città.

"Domenica 4 settembre la nostra più antica tradizione torna finalmente a rinnovarsi – dichiara Maurizio Rasero, sindaco della città di Asti -. Tutto il mondo del Palio si appresta a vivere i prossimi giorni con la consueta passione e slancio, senza dimenticare le tante difficoltà degli ultimi due anni. Sono certo che questa edizione "della ripartenza" sarà ancora più coinvolgente e memorabile. Ricordo ancora una volta che il Comune è sempre al fianco di tutti i Comitati, ben consapevole che senza il loro prezioso contributo non ci sarebbe il Palio. Mi auguro che anche i numerosi turisti presenti in città vengano gioiosamente travolti da questo spirito di festa, segno distintivo dell'antica tradizione medioevale, così ben rappresentata nel nostro splendido corteo storico".

Il Capitano del Palio, Michele Gandolfo esprime la sua emozione per questo Palio 2022: “Due anni lunghissimi ci hanno privato della nostra manifestazione, ma ormai ci siamo! Per me e per il mio gruppo è giunta l’ora di riprendere i cavalli e prepararci alla sfilata e al momento più solenne ed emozionante per il Capitano: chiedere licenza al sindaco di correre il Palio e poi via per il giro al galoppo sospinto da tutta la piazza e da tutte quelle persone che vivono di Palio 365 giorni l’anno!
Andiamo e che San Secondo ci assista! Sul podio controllerò che tutta si svolga nel rispetto del regolamento e poi che vinca il migliore! E che sia il miglior Palio che abbiamo mai potuto vivere!”


Trepidazione ed orgoglio traspaiono dalle parole del Presidente del Collegio dei Rettori Giorgia Mancone: “Sono ormai trascorsi quasi 3 anni dall'ultima edizione del Palio di Asti.
Sono stati anni difficili, la città ed i nostri Comitati hanno subito perdite, dei propri cari, di amici, di anime vere, di cuori pulsanti della manifestazione, a tutti loro va il nostro ricordo.
Sarà un Palio della rinascita, dopo tanta attesa. Abbiamo già assaporato un anticipo durante il mese di maggio, in occasione della Stima del Palio, dell'Offerta a San Secondo, del Paliotto e della Sbandierata del Santo. Adesso ci prepariamo a vivere la settimana del Palio, intensa e ricca di emozioni. Piazza San Secondo sarà animate dal mercato medioevale con le bancarelle del Palio, avverrà la presentazione dei fantini dal balcone del palazzo civico, ci saranno le cene ed i cenini.
La sfilata dei bambini e il corteo storico faranno da preludio alla disputa del Palio, che torna alla sua forma tradizionale. Con l'attenta collaborazione dell'amministrazione e della Commissione Veterinaria i Comitati hanno selezionato e qualificato per la corsa esemplari mezzosangue di altissimo livello. Nonostante la ruggine, nonostante gli anni trascorsi, ci siamo fatti trovare pronti e siamo in trepidante attesa di vivere il Palio, la festa di Asti.

I GIORNI DEL PALIO

Il Palio di Asti 2022 inizia giovedì 1° settembre con la presentazione pubblica dei 21 fantini e con l’estrazione a sorte delle batterie.

Da giovedì a sabato, in Piazza San Secondo, torna il tradizionale e variopinto mercatino del Palio con la presenza delle bancarelle di tutti i comitati dei Borghi, Rioni e Comuni partecipanti.

Sono in programma venerdì e sabato sera le cene propiziatorie con le loro lunghissime tavolate collocate nelle vie e nelle piazze della città e dei dintorni, pronte ad offrire piatti della tradizione piemontese e menù che ripropongono ricette e sapori medievali.

Sempre a tema enogastronomico il Palio di Asti sarà anche il palcoscenico scelto dalla storica azienda astigiana Perlino per il lancio internazionale del nuovo vermouth di Torino Corsieri del Palio, ispirato alla manifestazione stessa.

Il sabato è il giorno del corteo dei bambini con 1000 piccoli figuranti, dai 5 ai 15 anni in costume medievale e delle prove in pista dei cavalli e fantini.

La domenica del Palio immancabili come da tradizione la cerimonia della benedizione del cavallo e del fantino, l’esibizione degli sbandieratori dell’A.S.T.A e l’affascinante corteo storico del Palio, il più grande d’Italia, con 1200 figuranti, realizzata con filologia storica e dovizia di particolari. I costumi, fedeli riproduzioni d’epoca, sono opera di sartorie teatrali e si ispirano a dipinti e affreschi di età medievale. La sfilata è il frutto di un lavoro minuzioso e certosino per trovare tessuti, fogge e accessori, acconciature e attrezzature storicamente coerenti.

Alle 16, in Piazza Alfieri, Il Capitano del Palio chiede al Sindaco “Licenza di correre il Palio” e il Sindaco la concede rispondendo “Signor Capitano vi dò licenza di correre il Palio dell’anno del Signore 2022. Andate e che San Secondo vi assista!” A seguire il Mossiere, dà il via alla prima delle tre batterie, ciascuna da sette cavalli, montati “a pelo” (senza sella). I primi tre classificati di ogni batteria accedono alla finale. Alle ore 18 si corre la finale a nove e l’assegnazione del Palio.

Quest’anno il celebre “Drappo”, simbolo di appartenenza alla città dal valore inestimabile che lega presente, passato e futuro, è opera del pittore astigiano Silvio Volpato. Il drappo è una tradizione lunga secoli che, nonostante il passare del tempo, conserva intatta la magia della storia e tramanda un senso di comunità unico, capace di affascinare e tenere unita una città.

È davvero una grande soddisfazione riproporre nella sua completezza il grande settembre astigiano – dichiara l’assessore al Turismo e Manifestazioni Riccardo Origlia. I consueti appuntamenti della Douja d’Or (dal 9 al 18 settembre), del Festival delle Sagre (9 e 10 settembre), di Wine Street Tasting (16 e 17 settembre), di Arti e Mercanti (24 e 25 settembre) e del Mercatino dell’Antiquariato (25 Settembre) mi auguro - prosegue l’assessore - facciano riassaporare agli astigiani ed ai turisti che affollano le vie di Asti in queste settimane, i momenti di aggregazione, gratificazione ed ottimismo che tanto ci sono mancati in questi ultimi due difficili anni”.

Il Palio di Asti sarà trasmesso in diretta domenica 4 settembre 2022. Speciale Palio di Asti dalle 18.00 alle 19.00 sarà in diretta su Rai Tre a cura della Testata Giornalistica Regionale, redazione di Torino. In diretta anche sul sito della TGR, attraverso l’app di RaiNews.

GRP Televisione, canale 15, seguirà i festeggiamenti a partire dal corteo storico delle ore 14.

Per maggiori info consultare il sito https://visit.asti.it/

Biglietteria

Via Leone Grandi, angolo piazzetta Italia | tel. 0141 399057 – biglietteriapalio@comune.asti.it

Orari:

dal 28 Agosto al 3 settembre: dalle ore 10.00 alle ore 19.00

domenica 4 Settembre dalle ore 9.00 alle ore 16.00

Biglietti online acquistabili sulla piattaforma Biglietto veloce: https://bit.ly/3pBIi8b

I PROTAGONISTI DEL PALIO

1 mossiere, 7 comuni, 6 rioni, 8 borghi.

21 fantini in sella ad altrettanti cavalli si sfidano per aggiudicarsi l’ambitissimo drappo del Palio.

La corsa è regolata dal Mossiere che, da un podio, chiama i partecipanti alla batteria e quando giudica regolamentare l’allineamento, fa cadere il “canapo”, una grossa corda lunga circa 15 metri e pesante quasi un quintale.

I cavalli si sfidano in tre giri di corsa su una pista formata da circa settecento metri cubi di sabbie astiane e lunga 450 metri. Vince il cavallo che per primo “taglia il traguardo”.

i 21 partecipanti e i loro colori:

COMUNE DI BALDICHIERI - argento, azzurro e oro

COMUNE DI CASTELL’ALFERO - azzurro, bianco e oro

COMUNE DI SAN DAMIANO - rosso e blu

COMUNE DI MONTECHIARO - bianco e celeste

COMUNE DI CANELLI - bianco e azzurro

COMUNE DI NIZZA MONFERRATO - giallo e rosso

COMUNE DI MONCALVO - bianco e rosso

RIONE SAN SECONDO - bianco e rosso

BORGO SAN MARZANOTTO - oro e blu

BORGO SANTA MARIA NUOVA - rosa e azzurro

RIONE SAN PAOLO - oro e rosso

RIONE SAN SILVESTRO - oro e argento

RIONE SAN MARTINO SAN ROCCO - bianco e verde

BORGO TORRETTA - bianco, rosso e blu

BORGO VIATOSTO - bianco e azzurro

BORGO SAN PIETRO - rosso e verde

BORGO TANARO TRINCERE TORRAZZO - bianco e azzurro

BORGO SAN LAZZARO - giallo e verde

BORGO DON BOSCO - giallo e blu

RIONE SANTA CATERINA - rosso e celeste

RIONE CATTEDRALE - bianco e azzurro

In allegato PDF il programma.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 31-08-2022 alle 15:49 sul giornale del 01 settembre 2022 - 108 letture

In questo articolo si parla di attualità, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dnhZ





logoEV